Il D.P.R. 137/2012 impone ai professionisti di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale, al fine di garantire qualità ed efficienza della prestazione professionale resa al proprio cliente.
Sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 13 del 15 luglio 2013 è stato pubblicato il Regolamento per l’aggiornamento della competenza professionale degli ingegneri, adottato dal CNI.
L’obbligo di aggiornamento della competenza professionale degli ingegneri decorre dal primo gennaio dell’anno solare successivo a quello dell’entrata in vigore del regolamento.

Crediti formativi professionali
L’unità di misura della Formazione Professionale Continua è il Credito Formativo Professionale (CFP);
Per esercitare la professione l’iscritto all’albo deve essere in possesso di un minimo di crediti (pari a 30 CFP).
Inizialmente viene riconosciuto un numero di crediti a ciascuno iscritto e ogni anno vengono scalati 30 crediti.

Modalità di aggiornamento professionale
Le attività di formazione professionale continua potranno essere di tre tipi:

In particolare, per attività di formazione non formale si intende:

Le attività di formazione informale comprendono, invece:

Si intendono, infine, attività di formazione formale le seguenti attività:

A breve è attesa anche la pubblicazione del Regolamento per l’aggiornamento professionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC).

 

fonte Biblus-net

Circ. CNI n.255 del 16/07/2013